Apertura
"Città di Dio" - Associazione ecumenica di cultura religiosa

Editoriale

Ospiti di una vita gentile

Gentile è un termine poco usato nel lessico attuale, molto più lo si ritrova in autori del trecento, i poeti del Dolce Stil Novo, dove la nobiltà d'animo era una dote spirituale, non trasmettibile con i cromosomi, non ereditaria, ma era grazia che irrompeva nel cor. Questa grazia che per osmosi lambiva il pensiero e l'esistenza veniva da loro trasmessa come dono alle gens. Se si va all'etimologia della parola "gentile" si scopre che non significa altro che: "ciò che appartiene alla gens, alla stirpe". Tutti siamo "gente", tutti quei fratelli a cui Papa Francesco ha dedicato la sua ultima enciclica. Per i poeti del Dolce Stil Novo la gentilezza, la nobiltà d'animo era strumento necessario ed imprescindibile per arrivare alla conoscenza di sè stessi. Il cor gentile per Dante, per Guido Cavalcanti e Guido Guinizzelli diviene manifesto, la capacità d'amore è strettamente legata, è proporzionale alla nobiltà che l'amore possiede. Categorie, credo perse in molti, forse perché messe al margine, perché oltrepassate in nome di una ricerca di felicità che dimora e trova radici in qualcosa di meno effimero ma più tangibile, più misurabile come il successo, il predominio, l'arroganza, il parlare senza conoscenza che rende però autorevoli grazie alla ricchezza, alla forbitezza del linguaggio (spesso fredda eleganza), al possedere senza cor.
Guido Guinizzelli scriveva: "La natura non ha creato il cuore gentile prima dell'amore, né l'amore prima del cuore gentile, così come non ha creato il sole prima della luminosità o la luminosità prima del sole". Il mistero dell'uomo. Però sappiamo che ciò esiste, che beviamo giornalmente la luminosità ed il sole, che dovremmo essere luce anche quando il sole non illumina. Sappiamo che l'amore permette il vivere, che l'universale, come Papa Francesco ci ribadisce nella sua enciclica è ciò che salva perché : "non è possibile essere locali in maniera sana senza una sincera e cordiale apertura all'universale, senza lasciarci interpellare da ciò che succede altrove, senza lasciarci arricchire da altre culture e senza solidarizzare con i drammi degli altri popoli… perché ogni cultura sana è per natura aperta ed accogliente, così che una cultura senza valori universali non è una vera cultura". Sì perché, noi, noi tutti abitanti ed ospiti della terra, della vita, siamo la gens. Siamo quei gentili che devono "nobilitarsi" e poi mobilitarsi nell'essere ben disposti, in quel essere presenti senza condizionamenti, essere benevoli. Mi piacerebbe, ancor di più, dire essere ariosi, cioè simmetrici verso la luce e l'aria. Luce ed aria permettono il respiro. Permettono la continuità (questo lungo periodo di pandemia ha tolto a molti la luce e a tanti il respiro, non potremo più dimenticare questo grande attacco che ci ha fatto misurare il tempo e la qualità di vita), permettono di esserci. E in tutto il nostro continuo, incessante esistere (prima di noi e dopo di noi) incamminarci da ospiti che cercano grazia, la grazia del cor gentile che non conosce tinte chiassose, ma che matura tra i riflessi del bene di un'alba e del calore di un tramonto, che sa riposare nelle ore notturne e risvegliarsi nella sacralità che ogni giorno porta con sé, che sa conquistare il sorriso e conoscere la pena del pianto e riconoscere la vita. "Io ti riconosco, vita cara, come l'unica cosa pensabile in mezzo a tutto ciò che non si può pensare". (Pär Lagerkvist) Riconoscerla come tesi ed antitesi di una unità superiore a cui guardare con gentilezza.

Milena Simonotti

COMUNICATO

A seguito delle ultime disposizioni vengono sospese tutte le attività in presenza fino alla fine del mese di dicembre.
Prestate attenzione alle mail o consultate il sito per le nuove comunicazioni.
Mettete la mascherina!

News - Eventi

Pensieri

Divento Io dicendo Tu.
(Martin Buber)




Link Consigliati



Chi siamo

Finalita'
Sede e recapiti
Dove operiamo
Cariche sociali

Attività

Incontri svolti
Convegni svolti
Programmazione a.s.2020/2021


Archivio

Editoriali
Pensieri
News-Eventi

Multimedia

Letture
Foto
Video



Varie




Cerca nel sito


Noi aderiamo a
Logo

Copyright © 2017. "Città di Dio" – associazionecittadidio@gmail.com – Sede Legale: via Cesare Battisti 112, Invorio (NO) – Tel. 0322 259212 - Webmasean